Santa Maria, il Martina passa al “Carrano”: è 0-3 per i biancoazzurri

La Polisportiva Santa Maria Cilento cade ancora e lo fa tra le mura amiche del “Carrano” contro il Martina. Il risultato di 0-3 con i gol di Bonanno, Tedesco e Vaticinio. Il primo vero squillo del match è di marca giallorosa con un’occasione capitata sui piedi di Nunziante dagli sviluppi di calcio d’angolo: il suo tiro termina non molto lontano dal bersaglio grosso. Al 20′ arriva un episodio che potrebbe sbloccare la gara. Il solito Nunziante si guadagna un calcio di rigore, venendo atterrato in area fallosamente. Dal dischetto si presenta Di Fiore che si lascia ipnotizzare da Pirro. Alla mezz’ora si fa vedere il Martina con un tentativo dalla distanza di Bonanno che non crea particolari problemi a Pappalardo. Al 39′ si sblocca la gara: Bonanno, dopo una ngolo battuto corto, opta per una traiettoria velenosa che inganna Pappalardo e finisce in rete. È 0-1 per il Martina. Il momento è favorevole alla formazione ospite che, prima della fine del primo tempo, crea due opportunità con Perez e poi con una punizione velenosa di Bonanno. Nella ripresa è principalmente il Martina a fare la partita. Il tiro di Perez viene bloccato dall’estremo difensore giallorosso dopo un’azione concitata in area di rigore. La reazione dei padroni di casa è affidata a Campanella che prova una girata al volo che viene respinta ottimamente dalla retroguardia biancoazzurra. Dalla parte opposta è clamorosa la chance che viene vanificata da Bonanno a pochi metri da Pappalardo. Ancora l’attaccante, ex della partita, si rende pericoloso con un buon taglio in profondità che mette in apprensione la difesa cilentana. Al 24′ il Martina raddoppia. Buona azione orchestrata sulla fascia destra. Il neo entrato Tedesco, al primo pallone toccato, di testa raddoppia per lo 0-2. Il Santa Maria scompare dal campo. Pinto va a millimetri dallo 0-3 con una conclusione dal limite dell’area, Piarulli invece viene ostacolato sul più bello al momento della conclusione a rete da posizione ravvicinata. All’ultimo secondo di partita, dopo i 5 minuti di recupero concessi, il Martina cala il tris con un altro nuovo entrato Vaticinio. Il numero 44 trova un perfetto diagonale che si spegne alle spalle di Pappalardo.

Il Tabellino

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-5-2)

Pappalardo; Cocino, Campanella, Brugaletta; Ferrante, Coulibaly (40’st Della Corte), Borgia (17’st Ventura), Nunziante (28’st D’Auria), Maiese; Catalano (17’st Gaeta), Di Fiore. A disp.: Spina, Tedesco, Chironi, Szymanski, Bonfini. All.: Esposito.

Martina Calcio (4-2-3-1): Pirro; Mancini (43’st Vaticinio), Rizzo, Dieng, Nikolli; Virgilio, Piarulli (40’st Perrini); Baglione (1’st Pinto), Bonanno (28’st Langone)Perez Ganfornina; Palermo (23’st Tedesco). A disp.: Figliola, Perrini, Ievolella, Filippi Filippi, Battimelli. All.: Pizzulli.

Arbitro: Francesco Ennio Gallo di Bologna (Stotani-Negro)

Marcatori: 39’pt Bonanno (MA), 24’st Tedesco (MA) 50’st Vaticinio (MA)

Note: Ammoniti: Di Fiore (SM), Ferrante (SM), Vaticinio (MA). Angoli: 4-4

L’AREA COMUNICAZIONE

Santa Maria, pareggio per 0-0 contro l’Angri

La Polisportiva Santa Maria Cilento pareggia per 0-0 nel match della 30esima giornata di Serie D contro l’Angri. Una gara molto equilibrata che non ha visto prevalere nessuna delle due formazioni. Il primo tiro nello specchio della porta è di Kljajic, centrale e comoda la presa di Spina tra i pali. Al 20′ episodio decisivo del match: l’Angri conquista un calcio di rigore per un tocco di mani di Maiese. Dal dischetto Longo fallisce sparando alto e graziando i giallorossi. Poco più tardi grande intervento di Spina che smanaccia in corner sul colpo di testa ravvicinato ancora di Longo. I cilentani si rendono pericolosi con una punizione insidiosa di Di Fiore che viene bloccata da Palladino. Gli ultimi minuti del primo tempo sono di prevalenza giallorossa. Diverse le conclusioni dalla distanza tentate dalla squadra di Esposito. Ventura soprattutto prova a sbloccare il match, ma la sua conclusione termina sul fondo. Nella ripresa ancora il giovane centrocampista giallorosso tenta di fare male alla compagine avversaria, ma il suo tiro viene bloccato dall’estremo difensore di casa. Al 25′, palla gol per l’Angri con Ascione che scappa via sulla fascia: il suo diagonale esce di un soffio a lato. Il Santa Maria tornano a battere un colpo con Catalano che si accentra e calcia. Il suo tentativo, però, finisce alto sopra la traversa. Occasione anche per Ferrante, ma il giocatore del Santa Maria non riesce a dare la giusta precisione al suo tiro. Al 37′ il Santa Maria si salva dopo un collo esterno di Palmieri che termina sul palo esterno. L’ultimo tentativo è di marca ospite con Catalano che impegna Palladino agli straordinari.

Il Tabellino

Angri (4-3-3): Palladino; Kljajic, Mane, Allegra, Picascia; Sabatino (8’ st Rosolino), Fabiano (37’ st Herrera), Poziello (45’ st Iadaresta); Mansour (15’ st Palmieri), Longo, Ascione. A disp.: Scarpato, Costanzo, Acampora, Mettivier, Di Mauro. All.: Liquidato.

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-4-3): Spina; Cocino, Campanella, Brugaletta; Maiese (23’ st D’Auria), Coulibaly, Ventura (9’ st Borgia), Nunziante (29’ st Bonfini); Di Fiore (20’ st Ferrante), Gaeta (36’ st Lebro), Catalano. A disp.: Cannizzaro, Della Corte, Szymanski, Salzano. All.: Esposito.

Arbitro: Davide Galiffi di Alghero (Mallimaci-Gigliotti)

Marcatori:

Note: ammoniti Di Fiore (SM), Fabiano (A), Picascia (A), Ventura (SM), Borgia (SM), Coulibaly (SM). Angoli: 5-2. Recupero: 2’ pt e 5’st.

L’AREA COMUNICAZIONE

Il Santa Maria spreca il vantaggio e si fa rimontare dal Casarano

La Polisportiva Santa Maria esce sconfitta dal “Carrano” nel match contro il Casarano. Nonostante il doppio vantaggio del primo tempo firmato da Coulibaly e Gaeta, la formazione ospite riesce a rimontare e a portarsi a casa l’intera posta in palio. La gara è divertente sin dalle prime battute. La prima occasione è di Diop che sfrutta al meglio i suoi centimetri e con un gesto atletico prova a sorprendere Cannizzaro. Palla che termina fuori. Al 9′ la sfida si sblocca: Coulibaliy è abile a farsi trovare pronto all’interno dell’area di rigore dopo un cross da terra di Nunziante  per l’1-0. Al 19′ arriva anche il raddoppio: Gaeta si conquista un calcio di rigore solare per fallo di mano e lo stesso numero 21, dopo aver sbagliato dal dischetto, è il più lesto di tutti a raccogliere la sfera sulla ribattuta. La reazione del Casarano non si fa attendere. Clamorosa traversa dalla lunga distanza colpita da Corvino. Al 31′ gli ospiti accorciano le distanze. Giannini s’inserisce bene e sfrutta l’assist di Gjonaj per il 2-1. Al 39′, Guastamacchia fa 2-2 sugli sviluppi di calcio d’angolo. L’ultimo squillo della prima frazione è affidato a Nunziante che, però, spedisce la sfera sull’esterno della rete. Il secondo tempo, invece, inizia con il Casarano all’attacco. Corvino colpisce un altro palo dopo uno splendido contropiede orchestrato dalla compagine ospite. Al 15′ arriva la rete del sorpasso. Indecisione di Cannizzaro in uscita e Diop ne approfitta subito per siglare il gol del 2-3. Il Santa Maria cade sotto shock e soltanto 3′ dopo subisce anche il 4 gol. Questa volta Corvino rimane freddo davanti a Cannizzaro e lo batte per il doppio vantaggio ospite. La formazione di mister Esposito non si arrende e attacca a testa bassa. Catalano, appena entrato, sfiora l’incrocio dei pali con una splendida azione, poi Gaeta non sfrutta un grande contropiede scegliendo la conclusione verso la porta, con un Catalano meglio posizionato in avanti. I due terminali offensivi giallorossi sfiorano il gol anche poco più tardi, ma il Casarano si salva. Al 41′ accorcia le distanze proprio Catalano: gran cambio di gioco di Di Fiore che pesca il numero 10 di casa e sigla il 3-4. L’ultimo sussulto è ancora di marca giallorossa. In pieno recupero Bonfini ha l’occasione per raggiungere l’incredibile pareggio, ma il suo colpo di testa termina a lato di un soffio.

Il tabellino

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-5-2): Cannizzaro; Cocino, Campanella, Brugaletta (31’ st Bonfini); Maiese, Coulibaly, Chironi (36’ st Ventura), Nunziante (22’ st Di Fiore), Ferrante (16’ st Catalano); Borgia (39’ st D’Auria), Gaeta. A disp.: Spina, Della Corte, Szymanski, Salzano. All.: Esposito.

Casarano (4-2-4): Pucci; Nunez, Guastamacchia, Legittimo, Giannini; Cerutti, Marconato; Citro (32’ st Gambino), Gjonaj (44’ st De Luca), Diop, Corvino (46’ st Celli). A disp.: Carotenuto, Falcone, Perez, Thiandoum, Malagnino, Lombardo. All.: Laterza.

Arbitro: Gianluca Guitaldi di Rimini (Galluzzo-Salituro)

Marcatori: 9’ pt Coulibaly (SM), 21’ pt su rig. Gaeta (SM), 31’ pt Giannini (C), 39’ pt Guastamacchia (C), 15’ st Diop (C), 18’ st Corvino (C), 41’ st Catalano (SM).

Note: ammoniti Giannini (C), Campanella (SM), Gambino (C), 41’ st Catalano (SM). Angoli: 3-3. Recupero: 3’ pt e 5’ st

L’AREA COMUNICAZIONE

Il Santa Maria mette in difficoltà la capolista, ma l’Altamura passa 1-0

È una buonissima Polisportiva Santa Maria quella che dà del filo da torcere all’Altamura, capolista del girone. La sfida vede uscire vincitori i padroni di casa grazie ad un gol nella ripresa di Saraniti, sancendo un ko davvero immeritato per i giallorossi. La prima palla gol della gara è dell’Altamura: tiro ravvicinato di Loiodice che si stampa sull’incrocio dei pali. Più tardi è Pellegrini a provarci dalla distanza, senza trovare lo specchio della porta. Al 21′ si fa vedere anche la compagine di mister Esposito. Catalano calcia da posizione defilata trovando, però, solo l’esterno della rete. Il Santa Maria affonda sulle corsie esterne con Maiese che serve un ottimo pallone a Gaeta, il quale non riesce a dare la giusta potenza al tiro. Cannizzaro è attentissimo tra i pali, salvando in uscita su Chietti al 34′. Catalano ci prova di nuovo, questa volta da calcio di punizione, ma il risultato non cambia. Dall’altra parte colpo di testa di Petta, sugli sviluppi di calcio d’angolo, che termina di poco al lato. Cannizzaro è bravo anche al 41′ quando deve deviare in angolo un tentativo velenoso di Loiodice. L’estremo difensore del Santa Maria si supera anche al tramonto del primo tempo. Doppio strepitoso intervento ancora su Loiodice, che da solo davanti al portiere si lascia ipnotizzare. Nella ripresa il Santa Maria attacca e parte bene. Il tiro di Nunziante viene bloccato in due tempi, mentre sia Catalano che Mudasiru vanno lontano dal bersaglio grosso da lontano. Nel miglior momento dei giallorossi l’Altamura colpisce: al 6′ Saraniti sbuca alle spalle della difesa e firma l’1-0. Il vantaggio scuote i padroni di casa che si avvicinando al raddoppio con un tentativo di Mobilio, chiuso da Cannizzaro, e poi con la classica giocata di Loiodice. Di Fiore, invece, tenta di pareggiare la gara con un tiro che non trova la porta. Nel finale, ancora Loiodice mette i brividi con una punizione che termina sul fondo.

Il Tabellino

TEAM ALTAMURA (3-4-3): Fernandes; Pellegrini (18’ st D’Innocenzo), Petta (28’ st Cipolla), Bertolo; Chietti, Bolognese, Logoluso, Maccioni; Mobilio (13’ st Lattanzio), Saraniti (28’ st Colella), Loiodice (45’ st Kharmoud). A disp.: De Luca, Tataru, Orfano, Molinaro. All.: Giacomarro.

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-4-3): Cannizzaro; Cocicno, Campanella, Brugaletta; Maiese (26’ st D’Auria), Mudasiru (15’ st Chironi), Borgia (33’ st Ventura); Coulibaly; Nunziante, Gaeta (41’ st Ferrante), Catalano (9’ st Di Fiore). A disp.: Pappalardo, Bonfini, Della Corte, Szymanski. All.: Esposito

Arbitro: Mario Leone di Avezzano (Giancristofaro-Zugaro)

Marcatori: 6’ st Saraniti (TA)

Note: ammoniti Mudasiru (SM), Cannizzaro (SM), Petta (TA), Nunziante (SM), Chietti (TA), Chironi (SM)

Angoli: 8-1

Recupero: 2’ pt e 6’ st.

L’AREA COMUNICAZIONE

Live, Team Altamura – Polisportiva Santa Maria Cilento: diretta testuale e tabellino

Primo Tempo

7’ – Fase di studio tra le due squadre.

9’ – Grande occasione per i murgiani con un tiro ravvicinato di Loiodice che si stampa sull’incrocio dei pali.

15’  – Spunto sulla fascia destra di Nunziante, ma il direttore di gara ravvisa un fallo in attacco.

19’ – Rasoiata di Pellegrini dalla distanza con il pallone che rotola sul fondo.

21’ – Palla gol per il Santa Maria: Catalano calcia da posizione defilata trovando solo l’esterno della porta.

25’ – Maiese dalla destra pesca in area di rigore Gaeta che non riesce a dare la giusta potenza al tiro.

32’ – Manovra dell’Altamura che porta Maccioni al tiro, deviato dalla difensa in angolo.

34’ – Cannizzaro salva in uscita, chiudendo lo specchio della porta, su Chietti.

38’ – Punizione di Catalano alta sopra la traversa.

39’ – Colpo di testa di Petta, su calcio d’angolo, che termina di poco sul fondo.

41’ – Spunto di Loiodice che calcia trovando i guantoni di Cannizzaro ad alzare in angolo.

43’ – Petta di testa trova il tempo giusto, ma non la porta.

44’ – Doppio strepitoso intervento di Cannizzaro su Loiodice, che da solo davanti al portiere si lascia ipnotizzare.
Finale primo tempo: 0-0

Secondo tempo

1’ – Gaeta serve Nunziante, il suo tiro è bloccato in due tempi.

4’ – Catalano si accentra e poi calcia distante dallo specchio della porta.

5’ – Buon Santa Maria, che ci prova dalla distanza anche con Mudasiru.

6’ – Vantaggio dell’Altamura con Saraniti: sbuca alle spalle della difesa e supera Cannizzaro (1-0).

12’ – Tentativo di Mobilio, chiuso da Cannizzaro in uscita, poi pallonetto che termina sul fondo.

17’ – Lattanzio serve Loiodice che calcia sul fondo.

35’ – Di Fiore ci prova da oltre 30 metri senza trovare la porta.

41’ – Punizione da posizione defilata sull’esterno della rete di Loiodice.

Finale: 1-0

 

Il tabellino

TEAM ALTAMURA (3-4-3): Fernandes; Pellegrini (18’ st D’Innocenzo), Petta (28’ st Cipolla), Bertolo; Chietti, Bolognese, Logoluso, Maccioni; Mobilio (13’ st Lattanzio), Saraniti (28’ st Colella), Loiodice (45’ st Kharmoud). A disp.: De Luca, Tataru, Orfano, Molinaro. All.: Giacomarro.

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-4-3): Cannizzaro; Cocicno, Campanella, Brugaletta; Maiese (26’ st D’Auria), Mudasiru (15’ st Chironi), Borgia (33’ st Ventura); Coulibaly; Nunziante, Gaeta (41’ st Ferrante), Catalano (9’ st Di Fiore). A disp.: Pappalardo, Bonfini, Della Corte, Szymanski. All.: Esposito

Arbitro: Mario Leone di Avezzano (Giancristofaro-Zugaro)

Marcatori: 6’ st Saraniti (TA)

Note: ammoniti Mudasiru (SM), Cannizzaro (SM), Petta (TA), Nunziante (SM), Chietti (TA), Chironi (SM)

Angoli: 8-1

Recupero: 2’ pt e 6’ st.

 

 

 

L’AREA COMUNICAZIONE

Il Santa Maria pareggia nel finale: è 1-1 con il Gravina

La Polisportiva Santa Maria torna finalmente a segnare dopo ben 8 gare a secco ed esce con un punto dalla trasferta di Gravina. Il match termina sul risultato di 1-1, grazie ai gol di Da Silva e Brugaletta. Parte bene la formazione di casa con Staciuc che calcia, dopo pochi secondi, sul fondo. Al quarto d’ora si fa vedere anche il Santa Maria con una punizione di Nunziante che non trova il giro giusto. Al 23′ si sblocca la gara: il Gravina va in vantaggio con una botta di destro di Da Silva che non lascia scampo a Spina. Il momento è favorevole ai pugliesi che spingono ancora con Da Silva. Il suo tiro, questa volta, si alza di poco sopra la traversa. Poco più tardi guizzo di Santoro in area di rigore, ma la sfera viene colpita in malo modo da buona posizione. L’uomo più pericoloso è sempre Da Silva che, anche da corner, devia il pallone sul fondo. I cilentani si affidano ai colpi di Nunziante. Da un suo traversone insidioso Fustar è costretto a deviare il pallone in angolo, sfiorando l’autorete. Anche nella ripresa la partita resta molto equilibrata. Il primo squillo è affidato al solito Da Silva che, di testa, spedisce il pallone di poco fuori. La squadra di mister Esposito, nonostante lo svantaggio, non molla e con convinzione attacca la metà campo avversaria. Al 37′ arriva l’1-1: dopo una mischia in area di rigore, su cross di Catalano, è Brugaletta il più lesto di tutti a depositare il pallone in rete. Nel finale ci prova ancora Da Silva, ma Pappardo risponde in due tempi, mentre Catalano lascia partire una punizione insidiosa che non trova l’effetto sperato.

Il Tabellino

Gravina (3-4-3): Schulz; Quaranta, Fustar, Morales (31’ st De Gol); De Min, D’Addario, Corigliano, Curvino (26’ st Vidal); Stauciuc (27’ st Pantano), Da Silva, Santoro. A disp.: Vlasceanu, Ascolese, Semonella, Bodul, Chiaradia, Lauria. All.: Infantino.

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-4-3): Spina (1’ st Pappalardo); Cocino, Campanella, Brugaletta (41’ st Bonfini); Maiese, Chironi, Borgia (1’ st Catalano) , Ferrante; Di Fiore (15’ st Ventura), Gassama (20’ st Tedesco), Nunziante. A disp.: Della Corte, Mudasiru, D’Auria, Szymanski. All.: Esposito.

Arbitro: Francesco Aloise di Lodi (Mezzalira-Franzoni)

Marcatori: 23’ pt Da Silva (G), 37’ st Brugaletta (SM)

Note: espulso al 51’ st Quaranta (G) per condotta antisportiva. Ammoniti Chironi (SM), D’Addario (G), Corigliano (G), De Min (G), Tedesco (SM). Angoli: 3-5. Recupero: 7’st.

L’AREA COMUNICAZIONE

 

Il Rotonda passa al “Carrano”: Santa Maria ko

La Polisportiva Santa Maria subisce una brutta sconfitta casalinga contro il Rotonda. I biancoverdi passano al “Carrano” per 0-2 con un gol per tempo firmato da Cardore e Cajazzo. I cilentani partono bene sfiorando più volte il vantaggio e creando diversi problemi alla retroguardia ospite. La manovra è fluida e si arriva con grande frequenza nella metà campo avversaria. Sugli scudi anche Cocino che calcia alto. Il Rotonda si affaccia con Bran che si avventa su una palla sporca in area senza, però, trovare lo specchio della porta da buona posizione. La grande occasione capita sulla testa di Coulibaly che è impreciso nella battuta area. Anche Nunziante si mette in mostra con una bella azione personale. Il suo tiro non trova il giro giusto e viene bloccato facilmente. Nei minuti finali del primo tempo, il Rotonda si fa vedere prima con un piattone alto da posizione ravvicinata e poi con il gol del vantaggio. Al 42′ Cardore sblocca la gara: punizione che inganna un po’ tutti e termina in rete. Nella ripresa i lupi ospiti provano a chiuderla. Fernandez ci prova in due circostanze, ma i giallorossi evitano il peggio. Ancora Coulibaly ha l’occasione buona di testa. Il centrocampista di mister Esposito, ancora una volta, pecca un po’ sotto porta. Il Santa Maria alza il ritmo e tenta di raggiungere il pari. Gassama, da buona posizione, non trova la porta. Coulibaly, servito ottimamente da Nunziante, non impensierisce il portiere avversario con la sua deviazione. Al 24′ arriva la rete che mette la parola fine sul match: Cajazzo trafigge Spina con uno splendido tiro da fuori area. L’ultimo sussulto giallorosso è di Tedesco. L’attaccante, però, spedisce la sfera ampiamente sul fondo.

Il tabellino

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-4-3): Spina; Cocino (30’ st Borgia), Campanella, Bonfini; Maiese (37’ st D’Auria), Coulibaly, Ventura (18’ st Della Corte), Nunziante; Di Fiore (1’ st Tedesco), Gassama, Catalano (24’ st Chironi). A disp.: Cannizzaro, Ferrante, Brugaletta, Mudasiru. All.: Esposito.

Rotonda (4-3-3): Drame; Dridi, Marchetti, Alari (23’ pt Callegari), Fusco; Bran (49’ st Olguin), Cardore, Fusco; Cajazzo (37’ st Bamba), Fernandez (31’ st Ankovic), Barile (40’ st Attye). A disp.: Njie, Marino Ga., Sollini, Marino Gi. All.: Pagana

Arbitro: Marco Ferrara di Roma 2 (Spoletini-Di Curzio)

Marcatori: 42’ pt Cardore (R), 24’ st Caiazzo (R)

Note: ammoniti Bran (R), Coulibaly (SM), Cardore (R), Drame (R). Angoli: 2-5. Recupero: 1’ pt e 5’ st.

L’UFFICIO COMUNICAZIONE

I legni fermano il Santa Maria: la Palmese vince 2-0

La Polisportiva Santa Maria Cilento cade sconfitta in quel di Palma Campania contro la Palmese. A decidere il match per i rossoneri un gol per tempo, prima di Fusco e poi di Peluso per il 2-0 finale. Eppure la prova della compagine cilentana è stata pregevole, soprattutto nella prima frazione. L’inizio di gara, infatti, è quasi totalmente di marca giallorossa. Sia Gassama che il neo acquisto Di Fiore non riescono a trovare la via della porta. Anche Coulibaly si ritrova ad avere una clamorosa palla gol sui piedi a portiere battuto, ma il muro difensivo rossonero compie il miracolo allontanado il pericolo. La Palmese ci prova da fuori area con un tiro potente di Magliocca che termina, però, in curva. Il primo legno di giornata per la formazione ospite arriva con Maiese servito ottimamente da Coulibaly. L’esterno di Esposito stampa il pallone sulla traversa. Gol sbagliato, gol subito. Al 23′ contropiede letale della squadra di casa con Fusco che supera da posizione ravvicinata Spina per l’1-0. Il protagonista che ha sbloccato la gara ci prova anche pochi minuti più tardi, ma Spina stavolta risponde presente. Il Santa Maria non demorde e va vicino al pareggio. Gassama serve Catalano, ma Raffaelli è attento a respingere. Al 36′ episodio dubbio nell’area di rigore della Palmese. Gassama colpisce la traversa con il pallone che probabilmente supera la linea di porta. L’arbitro, però, decide di lasciar correre. Dalla parte opposta, invece, Puntoriere mette paura con un colpo di testa. L’ultima occasione del primo tempo è un’azione rocambolesca nell’area del Santa Maria che termina con il pallone sul fondo. Anche nel secondo tempo, i cilentani partono con il piede giusto. Coulibaly impegna il portiere rossonero sugli sviluppi di calcio d’angolo, mentre la conclusione di Di Fiore viene respinta dalla retroguardia di casa. Al 18′ arriva il raddoppio della Palmese: Peluso, di testa, batte ancora una volta Spina. Da qui in poi anche il forcing del Santa Maria si affievolisce. Puntoriere trova sulla sua traiettoria un colpo di reni di Spina che salva in angolo una conclusione da fuori. In pieno recupero, invece, ancora Spina deve dire di no ad un altro tentativo dal limite dell’area di rigore. Al triplice fischio fa festa la squadra di casa, mentre il Santa Maria resta ultimo in classifica.

Il Tabellino

Palmese (4-3-3): Raffaelli; Magliocca, Aquino, Manzo, Morlando; Fusco, Galdean (35’ st Ceparano), Potenza (21’ st Amato); Attah (8’ st Peluso), Puntoriere (43’ st Filogamo), Silvestro (46’ st Kone). A disp.: Moccia, Manco, Russo, Trevisone. All.: Grimaldi Teore.

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-4-3): Spina; Cocino, Brugaletta, Bonfini; Maiese (32’ st D’Auria), Chironi (32’ st Ferrante), Ventura (21’ st Borgia), Coulibaly (35’ st Della Corte); Di Fiore (21’ st Tedesco), Gassama, Catalano. A disp.: Cannizzaro, Mudasiru, Szymanski, Salzano. All.: Esposito.

Arbitro: Daniele Benevelli di Modena (Nappi-Ceci)

Marcatori: 23’ pt Fusco (P), 18’ st Peluso (P)Note: ammoniti Puntoriere (P), Raffaelli (P),

Angoli: 3-8 Recupero: 5’ st

L’AREA COMUNICAZIONE

Ingaggiato Di Fiore per il reparto offensivo

La Polisportiva Santa Maria Cilento dà il benvenuto a Giovanni Di Fiore che vestirà i colori giallorossi per la restante parte di campionato. 

Di Fiore, attaccante, classe 2003, ha giocato nelle ultime stagioni con la Gelbison, con cui ha vinto il campionato di serie D nel 2022 e giocato anche in Lega Pro con la maglia della squadra cilentana. 

“Spero di poter dare il mio contributo alla causa giallorossa in questa seconda parte di campionato. Abbiamo un obiettivo da raggiungere e sono arrivato qui perché credo fortemente nella possibilità di raggiungerlo insieme a tutta la società”.

L’AREA COMUNICAZIONE 


Il Santa Maria impatta sullo 0-0 contro il Mafredonia

Il ritorno sulla panchina della Polisportiva Santa Maria di mister Gianluca Esposito si conclude con un pareggio a reti bianche contro il Manfredonia. I giallorossi tornano a muovere la loro classifica in una gara equilibrata in cui, però, è mancato sempre l’ultimo guizzo. La formazione di casa parte forte con Nunziante che si libera per il tiro, ma la sua conclusione viene bloccata dal portiere avversario. La partita non regala particolari emozioni. Ventura, sugli sviluppi di calcio d’angolo, conclude dal limite e anche questa volta Paduano risponde presente. Il Manfredonia si affaccia per la prima volta in maniera pericolosa dalle parti di Spina con Hernaiz. Lo schema su palla inattiva funziona, ma l’estremo difensore giallorosso salva in angolo. Nel secondo tempo, inizia meglio la squadra ospite. Fissore colpisce una clamorosa traversa con un colpo di testa molto pericoloso. Poco più tardi, sempre con uno stacco aereo, ci prova anche Forte. Il suo tentativo termina di poco al lato. I cilentani tornano a bussare con Tedesco. L’attaccante giallorosso si costruisce l’azione da solo, peccando nella conclusione verso la porta. Un’altra grande occasione capita sui piedi di Nunziante. Il giocatore di Esposito, da posizione centrale, non trova la porta. Dalla parte opposta anche Amabile prova a far paura, ma è attento Spina. Nel finale è inutile il forcing del Santa Maria. Il Manfredonia tenta alcune conclusioni dalla distanza che non creano particolari problemi ai cilentani.

Il tabellino

Polisportiva Santa Maria Cilento (3-5-2): A. Spina; Cocino, Campanella, Brugaletta; Ferrante (40’ st Mudasiru), Coulibaly, Ventura (44’ st Salzano), Nunziante, Della Corte (27’ st Maiese); Tedesco (27’ st Gaeta), Catalano (20’ st Gassama). A disp.: Cannizzaro, Bonfini, Szymanski, D’Auria. All.: Esposito.

Manfredonia (3-5-2): Paduano; Forte, Konate (1’ st Cicerelli), Fissore;De Vito, Babaj (1’ st Bamba), Amabile, Hernaiz (29’ st Orlando), De Luca; Calemme, Carbonaro. A disp.: Borrelli, Sfrecola, Esposito, Viti, Achik, Spina R. All.: Cinque

Arbitro: Lorenzo Casali di Crema (Agostino-Bianchi)

Note: ammoniti Nunziante (SM), Fissore (M), Konate (M), Ventura (SM), Babaj (M), Brugaletta (SM). Angoli: 3-5. Recupero: 1’ pt e 5’ st.

L’AREA COMUNICAZIONE

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this